MISSION

Ciò che mi prefiggo quando imposto un piano di trattamento è il rispetto assoluto di questi 3 punti:

 

1) Massima conservazione dei tessuti sani del paziente.

 

2) Adozione delle tecniche e soluzioni più sicure e che possono durare di più (cioè quelle che hanno una prognosi migliore secondo quanto è già stato dimostrato dalla comunità scientifica).

 

3) Gestione oculata del budget disponibile del paziente. In caso di difficoltà economica, consiglio di effettuare le terapie più urgenti e importanti per la salute e non le più semplici o redditizie per me.

 

In odontoiatria spesso ci sono varie strade per trattare un paziente;  anche a te potrà essere capitato di aver richiesto parere professionale a più dentisti e di aver ricevuto “preventivi” (che in realtà sono il costo del piano di trattamento) molto diversi tra loro, non solo a livello economico ma soprattutto per quanto riguarda le tipologie di soluzioni proposte.

Questa anomalia è dovuta al fatto che gli odontoiatri hanno spesso intrapreso percorsi formativi ed esperienze professionali diverse e quindi, in buona fede,  tendono a proporre ai propri pazienti le soluzioni con cui hanno più confidenza; purtroppo a volte qualcuno fa prevalere la propria natura di imprenditore su quella di medico e tende di conseguenza a proporre il piano di trattamento che permette di ottenere il massimo profitto economico col minimo sforzo, perdendo di vista le priorità che dovrebbero essere rispettate nell’interesse della salute del paziente: anche questo come ben sai fa parte della natura umana.

 

Sta all’utente finale, cioè a te, capire chi hai di fronte e interpretare nel modo corretto quale sia l’obiettivo primario: la tua salute o i tuoi soldi?